Il fotovoltaico testato dalla NASA sul vostro tetto

August 9, 2017

Nota dell'editore: questo post fa parte di una serie di post in cui viene illustrato il contributo che la tecnologia fotovoltaica da record di SunPower ha dato nel corso degli anni al successo di diverse meravigliose imprese, ispirando così la nostra più recente campagna di comunicazione: Pretendi un Fotovoltaico Migliore®.

I consumatori che stanno prendendo in considerazione l'idea di passare al fotovoltaico, si chiedono spesso se i pannelli solari SunPower saranno in grado di sopportare tutto ciò che Madre Natura deciderà di far succedere sopra i tetti delle proprie case aziende.

Siamo orgogliosi del fatto che i nostri pannelli fotovoltaici svolgano egregiamente il loro compito, perché non tutti i prodotti solari sono in grado di superare le sfide del tempo e delle condizioni meteo.

Nel corso della storia trentennale della nostra azienda, le collaborazioni con pionieri del fotovoltaico del calibro della  NASA ci hanno spinto a progettare e realizzare celle solari in grado di superare le prestazioni della tecnologia convenzionale, anche in situazioni estreme come la scarsa illuminazione, il freddo estremo, il vento sferzante e così via.

Ed è proprio questo il motivo che ha portato la NASA a scegliere le celle ad alto rendimento SunPower per la produzione del modello sperimentale di aereo alimentato ad energia solare, per la produzione di energia elettrica per le strutture della NASA, per l'esplorazione della calotta glaciale della Groenlandia e per i test solari relativi ai veicoli senza pilota progettati per l'esplorazione di pianeti come Marte.

Se il nostro fotovoltaico si è dimostrato così robusto ed efficiente da resistere al freddo della calotta glaciale o dello spazio, siamo abbastanza certi che si dimostrerà altrettanto affidabile per assicurare la produzione di energia pulita per i nostri clienti privati, commerciali e per i grandi produttori di energia. E, grazie al design unico dei nostri nostri pannelli, siamo certi che l'estetica della vostra cas sarà valorizzata.

Voli NASA senza piloti da record

Nel 1997, quando ancora non era possibile immaginare di acquistare un drone nei centri commerciali, la NASA iniziò ad utilizzare le celle solari SunPower sui propri aerei ad alta quota senza pilota, comandati a distanza e alimentati ad energia solare (noti come UAV, acronimo di “Unmanned Aerial Vehicles”). Uno di questi, il Pathfinder Plus, riuscì a raggiungere la quota record di 24.400 metri.

Nel 1999, la NASA realizzò Helios, un progetto UAV di nuova generazione (noto come HALE, acronimo di "High-Altitude, Long-Endurance"). Per quel progetto alla NASA occorreva una cella che fosse leggerissima, resistente alle elevate pressioni dell'aria, capace di massimizzare la produzione di energia e addirittura in grado di catturare la luce del sole attraverso le nuvole, così da generare ancora più energia.

SunPower riprogettò le proprie celle per Helios. Il risultato fu un enorme guadagno in termini di rendimento, che consentì ad Helios di stabilire nel 2001 il nuovo record mondiale di altitudine di 29.200 metri.

GROVER, il robot della Groenlandia

Più di recente abbiamo partecipato ad un progetto della NASA per la costruzione di un robot esploratore destinato alla Groenlandia e testato sui suoi ghiacci nel maggio del 2013.

Il  GROVER, abbreviazione sia di “Greenland Rover” che di “Goddard Remotely Operated Vehicle for Exploration and Research,” è un robot autonomo, guidato via GPS e alimentato da energia solare SunPower, che trasporta un radar in grado di penetrare nel suolo per esaminare gli strati di ghiaccio della Groenlandia.

La missione del GROVER consisteva nel raccogliere dati che consentissero agli scienziati di comprendere come gli enormi blocchi di ghiaccio riescano a perdere e acquisire ghiaccio. Il GROVER è stato progettato per viaggiare in condizioni climatiche assolutamente inospitali, dove all'uomo sarebbe risultato estremamente difficile se non impossibile sopravvivere. (guarda un video del GROVER mentre fa trekking tra i ghiacci).

Durante la fase di test di 5 settimane nel punto più alto della Groenlandia, i 360 chili del GROVER ed i suoi 2 pannelli fotovoltaici SunPower dotati di 192 celle Maxeon® sono riusciti a resistere a raffiche di vento da 48 Km/h e temperature di ben -30° C, dimostrando così che i pannelli fotovoltaici SunPower non temono neanche le condizioni più avverse del Pianeta Terra.

I ricercatori della NASA puntano  un giorno a inviare un autentico esercito di piccoli robot che potrà ricaricarsi da GROVER e coprire così aree ancora più vaste e con maggiore velocità e livello di dettaglio. Sono convinti che GROVER riuscirà a rivoluzionare la ricerca climatica portando ad un altro livello la nostra comprensione degli effetti del cambiamento di neve, ghiaccio e ghiacciai sul nostro pianeta.

Considerata la crescente attenzione per le energie rinnovabili ed il fatto che l'energia solare rappresenti un'importante soluzione per i problemi che causano i cambiamenti climatici, siamo orgogliosi della nostra lunga storia di collaborazione con questi progetti della NASA, grazie ai quali siamo riusciti a far evolvere la nostra  tecnologia fotovoltaica, oggi adottata da centinaia di migliaia di case e aziende nel mondo.

Interessati all'acquisto della stessa tecnologia solare adottata da questi progetti da record della NASA? Contattateci per scoprire subito quanto potreste risparmiare passando all'energia solare di SunPower.

 

ARTICOLI CORRELATI

I pionieri del fotovoltaico ispirano la nuova campagna SunPower Pretendi un Fotovoltaico Migliore®

 

 

Previous
Solar Impulse 2: record mondiale con il fotovoltaico di SunPower
Solar Impulse 2: record mondiale con il fotovoltaico di SunPower

Solar Impulse utilizza le celle fotovoltaiche ad alta efficienza di SunPower per completare il record del g...

Next
I pionieri ispirano la campagna SunPower Pretendi un Fotovoltaico Migliore®
I pionieri ispirano la campagna SunPower Pretendi un Fotovoltaico Migliore®

Perché la tecnologia fotovoltaica SunPower viene scelta dai moderni pionieri del fotovoltaico per le propri...

Curioso di saperne di più? Visita il nostro sito internet!

VAI!